Pag.01

BIBLIOGRAFIA

"Progetto Bullismo"

L'esperienze e il confronto di quattro progetti di prevenzione.
di Marco Maggi e Elena Buccoliero, Editrice Berti 2006
Il libro racconta quattro esperienze di progetti di prevenzione al bullismo realizzati in quattro differenti realtà; due in Emilia Romagna (a Cento - FE - a Soliera - MO - ), una in Lombardia (Codogno - LO -) e una in Piemonte (Savigliano - CN - ).
Nella pubblicazione troviamo: cenni alle teorie di fondo sul fenomeno bullismo; l'analisi dei quattro progetti; la valutazione degli interventi e le testimonianze di chi ha vissuto in prima persona. Il volume si rivolge ad operatori, dirigenti scolastici e insegnanti che siano intenzionati ad avviare progetti di prevenzione al bullismo in altri luoghi e in altre scuole.
Il volume è provvisto anche di un CD allegato.

"Bullismo, Bullismi"

Le prepotenze in adolescenza, dall'analisi dei casi agli strumenti d'intervento.
di Elena Buccoliero e Marco Maggi, Franco Angeli, 2005
Il volume nasce dall'esperienza diretta degli autori con insegnanti di scuola media inferiore e superiore nell'ambito di progetti di prevenzione al bullismo.
Il testo vuole offrire sia stimoli di riflessione e comprensione sia strumenti operativi di prevenzione e contrasto. La prima parte affronta l'introduzione teorica al bullismo e nelle sue diverse forme. Mentre la seconda parte è un manuale articolato in quattro filoni: i fattori protettivi, il riconoscimento del problema, gli strumenti di intervento e infine un percorso di supporto alle persone in difficoltà. 

"L'educazione Socio Affettiva nelle scuole"

di Marco Maggi, Editrice Berti, 2004
Il volume nasce dopo un'esperienza di oltre dieci anni corsi di educazione socio-affettiva nelle scuole. Il testo risulta suddiviso in tre parti: una prima contenente i contributi teorici relativi alla promozione della salute nella scuola, relazione educativa, apprendimento e gestione della classe, educazione socio - affettiva ed empowertment nella scuola. Una seconda in cui sono presentati tre manuali pratici di intervento e una ricca documentazione dei progetti Calimero, Il Tempo di Calimero e Progetto Filo Diretto. Infine la terza è dedicata ai risultati ottenuti e agli strumenti di valutazione utilizzati. Un ricco manuale che unisce il contributo teorico alla pratica educativa.

"Bullismo a scuola.

Bambini oppressi, bambini che opprimono"

di Dan Olweus, Giunti Editore 2001
Dan Olweus è uno dei più autorevoli studiosi del fenomeno bullismo in Europa. Egli fu il primo a condurre un lavoro pioneristico in Norvegia di ricerca e di intervento per la prevenzione del bullismo e di altri comportamenti antisociali. Olweus è l'autore della definizione scientifica del fenomeno inteso come la condizione in cui uno studente è sottoposto ripetutamente nel corso del tempo alle azioni prepotenti e offensive di uno o più compagni. In questo volume l'autore offre un'attenta analisi del fenomeno e delle sue cause afficandola ad un concreto programma di intervento che si è rivelato efficace nella riduzione delle prevaricazioni e di altri comportamenti antisociali.

"Anche i cattivi giocano.

Giochi per gestire l'aggressività"

di R. Portmann, La Meridiana, 1997
Questo libro si rivolge ad insegnanti, educatori e genitori. Qui vengono proposti semplici e divertenti giochi cooperativi attraverso i quali i bambini possono tirare fuori spontaneamente la loro rabbia e acquisirne consapevolezza. I giochi ripropongono le più comuni situazioni vissute da bambini e attraverso la simulazione insegnano a dominare la rabbia e ad instaurare delle relazioni nonviolente.

"Fanni i bulli ce l'hanno con me...

Manuale di autodifesa positiva per gli alunni"

di Monica Dacomo e Mario Di Pietro, Centro Studi Erickson, 2005
Questo testo è rivolto a ragazzi tra gli 8 e 16 anni e cerca di rispondere a molte domande, quali "ma chi sono questi bulli?" e "che cosa si può fare per impedire loro di continuare a fare del male?". noltre offre alcuni semplici strumenti per imparare a difendersi in modo positivo utilizzando la tattica della "non violenza", magari parlandone con un insegnante o un genitore, oppure spiazzando con risposte furbe e divertenti.

"Apprendimento cooperativo in classe.

Migliorare il clima emotivo e il rendimento"


di R. T. Johnson, D. W. Johnson, E. J. Holubec, Centro Studi Erickson, 1996
Questo testo illustra sia gli elementi tecnici sia la filosofia dell'apprendimento cooperativo in classe. Attraverso l'apprendimento cooperativo è possibile migliorare la preparazione e la competenza di tutti gli studenti, sia dei più bravi, sia quelli con capacità e rendimenti deficitari. L'idea degli autori è che l'insegnante possa incorporare questo metodo nella sua attività ordinaria riuscendo in questo modo ad ottenere risultati importanti sia dal punto di vista del rendimento sia dal punto di vista interpersonale. Qui vengono proposte molte attività, sia didattiche sia di gioco che favoriscono la coesione e il buon funzionamento del gruppo di alunni.

"Bulli e prepotenti nella scuola.

Prevenzione e tecniche educative"

di P.K. Smith, S. Sharp, Centro Studi Erickson, 1995
Questo è un testo importante che offre un'approfondita analisi del fenomeno delle prepotenze tra compagni. Sostiene come il bullismo debba necessariamente essere affrontato con strategie operative a livelli diversi tutte coordinate nell'ambito di una "politica scolastica globale" finalizzata alla riduzione del fenomeno del bullismo. Vengono esaminati diversi tipi di interventi orientati a particolari ambiti della vita scolastica (intervalli, corridoio, cortile, ...). Oltre all'accurata analisi quest'opera offre anche numerosi spunti concreti per le diverse forme di bullismo: fisico, verbale, indiretto.

"Il bullismo in Italia"

Il fenomeno delle prepotenze a scuola dal Piemonte alla Sicilia.
Ricerche e prospettive d'intervento di Ada Fonzi, Giunti Editore, 1997
Dopo i primi lavori pioneristici di Dan Olweus sul fenomeno del bullismo, questo testo per la prima volta indaga il bullismo nelle scuole italiane. Qui viene raccolto il lavoro di un nutrito gruppo di ricercatori provenienti da diverse regioni italiane che restituiscono un quadro drammatico dell'entità del fenomeno in Italia.Ma non si limita a questo. Il testo propone anche delle riflessioni e con esse delle possibili strategie di intervento, come il questionario attraverso cui indagare la qualità delle relazioni sociali a scuola. L'intervento qui suggerito vuole puntare alla creazione di una "mentalità antibullismo" per evitare che le prevaricazioni possano essere trascurate o minimizzate.

"Bullismo che fare?

Prevenzione e strategie d'intervento nella scuola"

di Ersilia Menesini, Giunti Editore, 2000
Questo testo è suddiviso in due parti. Una prima in cui è presentata una rassegna aggiornata all'anno 2000 della letteratura sulla prevaricazione e il bullismo insieme ai modelli d'intervento sperimentati.Nella seconda vi è raccolto il contributo di diversi ricercatori italiani con i risultati delle ricerche e degli interventi effettuati in Italia nei tre ordini di scuola, media, elementare e dell'infanzia.

"Bullismo: le azioni efficaci della scuola"

Percorsi italiani alla prevenzione e all'intervento di Ersilia Menesini,
Centro Studi Erickson, 2003
Questo libro si propone di presentare una serie di strumenti per psicologi, insegnanti e per tutti coloro che si trovassero ad affrontare il tema del bullismo.A partire dalla conoscenza teorica ed empirica del fenomeno fin qui raccolta si vuole offrire una "via italiana" alla prevenzione e all'intervento. Qui vengono proposti diversi approcci e vari percorsi di lavoro (da quelli più curricolari a quelli più innovativi) per potenziare le risorse dei ragazzi attraverso una graduale responsabilizzazione nei ruoli di aiuto o di supporto tra pari.

"Aiutare i bambini... che fanni i bull: attività

psicoeducative con il supporto di una favola"

di M.Sunderland e N. Armstrong, Centro Studi Erickson, 2005
Il libro si rivolge a coloro (genitori, insegnanti, educatori e psicoterapeuti) che si trovano ad incontrare dei bambini che hanno chiuso il loro cuore.Magari dopo essere stati feriti questi bambini cominciano a credere che amare sia troppo doloroso e così costruiscono dei muri di difesa. In questa situazione di difficoltà emotiva alcuni bambini diventano dei bulli per nascondere dietro la loro aggressività il loro bisogno di amore e di aiuto. Questo è quello che succede al piccolo protagonista di questa favola. Il libro propone anche una guida il bambino ad esprimere nuovamente le sue emozioni.

"Hanno fatto del male a mio figlio!

Come affrontare aggressioni e prepotenze a

scuola, per strada, in famiglia"

di S. Bourcet e I. Gravillon, EGA, 2005
Questo libro vuole aiutare i genitori a capire meglio il disagio dei loro figli che a volte non sanno come intervenire per aiutarli a superare i momenti difficili.Questo testo vuole sostenere i genitori nel porsi le domande giuste e reagire in modo appropriato in situazioni, a volte estremamente delicate

"Come comunichiamo?

Principi e mezzi della comunicazione corretta"

Testo di Silvana Brunelli, Illustrazioni di Walter Girolamo Codato, Orizzonti 1999
Imparare a comunicare fin dall'infanzia è di grande valore. Infatti è attraverso questo mezzo che ci esprimiamo e ci comprendiamo reciprocamente. Questo libro si rivolge in particolare ai bambini mostrando i principi e le tecniche di una comunicazione corretta.

"Costruire il benessere personale in classe.

Attività di educazione alle competenze affettive

e relazionali"

di R. Schirelli e di U. Mariani, Centro Studi Erickson, 2002
Come si possono prevenire le diverse forme di disagio tipiche del periodo dell'adolescenza e preadolescenza e promuovere il benessere dei bambini e dei ragazzi? Questo volume presenta 20 diverse concrete strategie da utilizzare in aula per aiutare gli alunni ad individuare, gestire, modulare le proprie emozioni. Questo lavoro promuove le compenze necessarie ad una crescita sana ed equlibrata in grado di promuovere anche la parteciapzione e il senso di appartenenza.

"Educare alle emozioni. Riflessioni e proposte

di attività per genitori e insegnanti"

di Marco Cunico, Edizioni Città Nuova, 2004
Il libro pone al centro le emozioni degli adolescenti. Il presupposto è che educare gli adolescenti alle emozioni permette di raggiungere una maggiore consapevolezza del loro mondo interiore. Dopo aver analizzato il periodo dell'adolescenza da un punto di vista interiore (prima parte) l'autore propone un progetto di educazione alle emozioni attraverso diverse attività: lavori di gruppo, questionari, filmati, giochi e non da ultimo il dialogo.